Una precisazione doverosa sul progetto FAMI

All’inizio del mese di agosto sono comparse sul territorio di Siracusa, a mezzo stampa, alcune notizie poco precise relative al progetto Fami che vede il Comune di Siracusa come capofila di un progetto che riteniamo particolarmente significativo.

Per chiarire in modo definitivo questo argomento si trasmette il Comunicato stampa (inviato ad alcune testate locali) dei soggetti partner del progetto “Comune dei Popoli” redatto congiuntamente per una miglior comprensione della situazione.

Comunicato stampa dei soggetti partner del progetto “Comune dei Popoli”

Le recenti notizie rimbalzate sui vari mezzi di comunicazione circa un’interrogazione
parlamentare su presunti conflitti d’interesse dell’assessore ai Progetti Speciali e al
Dialogo Interculturale Rita Gentile e dell’ex consigliere comunale Simona Cascio ci
impongono, in qualità di partners del Comune nel progetto sotto accusa, di
manifestare con forza il rigetto di qualsiasi illazione che metta in dubbio la totale
regolarità e trasparenza in tutto l’iter sin qui seguito per la realizzazione del Comune
dei Popoli.


Partendo dalla premessa che si tratta di due persone che tutta la città riconosce come
storici punti di riferimento per il loro impegno e il grande contributo dato in campo
sociale, e che al momento della pubblicazione del bando non rivestivano le cariche
pubbliche oggetto di critica e neanche potevano immaginare che le avrebbero
successivamente ricoperte, il bando a cui l’interrogazione si riferisce è un bando
nazionale al quale il Comune partecipa avvalendosi della nostra collaborazione
progettuale. Stiamo discutendo di un progetto altamente innovativo, frutto di studio e
interazione fra tutti i partners coinvolti, che accede, unico selezionato in Sicilia, ad
una linea di finanziamento destinata alle pubbliche amministrazioni, al
miglioramento dei servizi da loro offerti e alla qualità del lavoro dei loro impiegati e
dipendenti.

Abbiamo creduto nella fondamentale importanza di rendere accessibile a
tutti, migranti compresi, la fruizione degli uffici pubblici ed in questo senso abbiamo
già prodotto una parte del lavoro previsto dal progetto approvato (analisi e
rilevazione dei bisogni della pubblica amministrazione) e abbiamo provveduto,
sempre tramite le procedure previste dal progetto approvato dal Ministero degli
Interni, all’assunzione del personale previsto per la realizzazione delle attività.

Ci rammarica che in modo strumentale, accostandolo alla tormentata vicenda di
Cassibile, con la quale non ha nessun collegamento, il Comune dei Popoli sulla scorta
di informazioni false o imprecise, venga utilizzato per scopi politici, trasformando
un’opportunità di miglioramento della città in una pretestuosa ricerca di attenzioni
social e ribalta mediatica.

FAMI: CODICE PROGETTO : PROG-3083

Soggetti partner del progetto FAMI AccoglieRete ONLUS
Arci Comitato Territoriale di Siracusa
CPIA di Siracusa “A. Manzi”
Fondazione Italiana di Solidarietà Marista Champagnat
OXFAM Italia Intercultura
The Hub Sicilia Società Cooperativa

Add a Comment

Your email address will not be published.